Il mal di gola – meglio definito faringite – è un processo infettivo-infiammatorio che coinvolge la faringe. Più spesso, il mal di gola si diffonde anche nelle zone attigue, compromettendo così naso, laringe e tonsille.

La faringite causa dolore ed irritazione alla mucosa della gola, che si accentua durante tosse e deglutizione.

Sebbene sia strettamente correlato ad influenza e raffreddore, il mal di gola può manifestarsi anche indipendentemente da patologie secondarie.
Similmente alle malattie influenzali, il mal di gola è un disagio molto diffuso tra la popolazione mondiale e, nonostante sia facilmente reversibile, tende a recidivare più volte nell’arco dell’anno.

Cosa Fare

  • Applicare spray disinfettanti più volte durante la giornata: questo rimedio velocizza la guarigione dal mal di gola
  • Risciacquare la gola con gargarismi (soluzione antisettiche o con acqua tiepida salata). La dose indicativa per i gargarismi di acqua salata è: 5 ml di sale (1 cucchiaino) per 250 ml di acqua
  • Umidificare l’ambiente: si raccomanda di mantenere l’ambiente alla giusta umidità (40-60%)
  • Il riposo, sia fisico sia della voce, è indispensabile per favorire la remissione dei sintomi in breve tempo
  • Bere molti liquidi per garantire il giusto grado di umidità alla gola e prevenire la disidratazione

Cosa NON fare

  • Assumere antibiotici senza prescrizione medica: il mal di gola può essere indotto da un’infezione virale, di conseguenza la somministrazione di farmaci antibiotici risulterebbe inutile, inefficace e superflua, se non addirittura dannosa per sé e anche per gli altri
  • Assumere latte e derivati immediatamente dopo la somministrazione di antibiotici come le tetracicline: i latticini possono inattivare il farmaco
  • Utilizzare farmaci antinfiammatori per lungo tempo: un simile comportamento può peggiorare i sintomi e rendere i patogeni più resistenti alle cure
  • Fumare o respirare fumo passivo: il fumo di sigaretta, proprio come lo smog, può irritare ancor più le mucose della gola, aumentando il dolore
  • Somministrare aspirina ai bambini di età inferiore ai 12 anni: un comportamento simile può provocare gravi effetti collaterali, quali sindrome di Reye, disfunzioni epatiche ed alterazioni cerebrali.
  • Utilizzare gli stessi asciugamani/posate/bicchieri di soggetti affetti da mal di gola o malattie simil-influenzali per ridurre il rischio di contagio

Cosa Mangiare

  • Bere molti liquidi freschi: particolarmente efficace è il succo di limone diluito nell’acqua fredda. Il fresco dell’acqua e l’azione disinfettante del limone conferiscono un sollievo immediato alla gola irritata
  • Bere latte caldo mescolato con il miele: antico rimedio naturale, utile per creare un sollievo immediato alle mucose della gola irritate
  • Assumere yogurt con fermenti lattici vivi o probiotici: così facendo, le difese immunitarie vengono potenziate
  • I ghiaccioli, le granite e i gelati possono conferire sollievo (seppur temporaneo) alla gola irritata

 

Cosa NON Mangiare

Cure Farmacologiche

Prevenzione

  • Lavare sempre accuratamente le mani, per ridurre il rischio d’infezione
  • Portare con sé salviette disinfettanti o formulazioni liquide specifiche (es. amuchina)
  • Evitare quanto possibile ogni contatto con soggetti influenzati: anche uno starnuto od un colpo di tosse costituiscono veicoli per la diffusione dei patogeni responsabili del mal di gola

 

Tratto da personaltrainer